Progettista architettonico: ne hai davvero bisogno?

Categoria
Scritto da
Redazione
Pubblicato il
14 Giu 2024
Condividi
Progettista architettonico: chi è, cosa fa e perché ne hai davvero bisogno.

Se sei in procinto di ristrutturare o costruire una casa da zero, è importante che tu conosca la figura professionale del progettista architettonico

Come ben saprai, i professionisti coinvolti in tutte le fasi di un cantiere sono davvero molti, ma in questo articolo vogliamo concentrarci su una figura in particolare. Approfondiremo chi è e cosa fa un progettista, in che modo può aiutarti, come scegliere una persona affidabile e competente, e soprattutto risponderemo a una domanda fondamentale: hai davvero bisogno di un progettista?

Chi è il progettista

Innanzitutto, per definizione, il progettista redige un progetto architettonico o tecnico, grazie a diverse fasi e attività di progettazione. Se parliamo di architettura o edilizia, è la persona che, grazie alle sue competenze, trasforma le idee in spazi funzionali, dal gusto estetico coerente alle richieste del cliente e agli ambienti, con un occhio di riguardo al tema della sostenibilità (ambientale, economica e in termini di salute e benessere). 

Per comprendere meglio in che modo il progettista architettonico può aiutarti a rendere concreto ciò che immagini di veder realizzato da sempre, analizziamo quali sono i suoi compiti.

Cosa fa un progettista architettonico

Il lavoro del progettista, proprio come il Metodo Marvulli con cui affianchiamo i nostri clienti, si compone di fasi diverse, per ottenere risultati positivi e coerenti alle richieste iniziali dei committenti. Vediamo quali sono.

Ascolto del cliente

In primo luogo, il progettista si confronta con i committenti del progetto, ne ascolta le esigenze e i desideri, per arrivare a definire degli obiettivi condivisi e un piano d’azione per raggiungerli.

Ricerca e sopralluogo

Inizia la fase di analisi preliminare, che comprende anche il sopralluogo per valutare: l’esposizione e l’orientamento della casa, la conformazione del terreno, le caratteristiche dell’ambiente circostante. Inoltre il progettista si occuperà di verificare la presenza di eventuali vincoli paesaggistici e la conformità alle normative edilizie.

Idee e sviluppo del progetto

Si passa quindi alla fase in cui le idee iniziano a prendere forma. Il progettista architettonico presenta schizzi, modelli o render 3D per un primo confronto e per arrivare a una progettazione definitiva, che soddisfi funzionalità e gusto estetico, rispettando le normative.

Soluzione progettuale definitiva

A questo punto il progettista si occupa di mettere a terra e presentare il progetto definitivo con planimetrie, sezioni, prospetti e dettagli tecnici per i materiali e le finiture.

Il progettista architettonico stabilisce insieme a te degli obiettivi e un piano d’azione per raggiungerli, rispettando tempi e budget.

Direzione dei lavori

Iniziano le fasi di cantiere, in cui il progettista diventa un vero e proprio direttore dei lavori, in grado di trasmettere la visione d’insieme del progetto e coordinare tutte le figure professionali presenti. Si occuperà di rispettare quanto concordato coi committenti e di tenere sotto controllo il budget stanziato.

I vantaggi di collaborare con un progettista architettonico

Come abbiamo appena visto, i compiti di un progettista architettonico sono davvero molti e, soprattutto, sono fondamentali! Avere una persona di fiducia con cui potersi confrontare, in grado di prendersi la responsabilità del progetto, coordinare e gestire un intero cantiere ha enormi vantaggi per i committenti.

Intanto si escludono eventuali problemi con la legge e multe salatissime per non aver rispettato le normative vigenti. Per fare un esempio “comune”, lo smaltimento non conforme di macerie e materiali edili comporta multe da 500 a 25 mila euro. Capisci bene quant’è importante mettersi al riparo da quest’evenienza. 

Inoltre, come abbiamo visto anche per il Bonus Casa e l’Ecobonus, sappiamo che in Italia non mancano i cavilli burocratici. Per questo motivo, essere affiancati da un progettista architettonico consente di risparmiare tempo e soldi, evitando errori, ritardi e ottenendo un miglior rapporto qualità-prezzo con i suoi fornitori di fiducia, per materiali, arredi e complementi. 

Poi la sensazione di tranquillità e sicurezza che un professionista può garantire è impagabile, soprattutto perché, di frequente, un cantiere significa stress e insonnia, in particolar modo quando è tutto sulle nostre spalle. Sappiamo bene che prendere decisioni “per la vita”, come scegliere gli infissi e ogni elemento della casa che desideriamo, è piuttosto difficile. In questo frangente affidarsi a una persona con una visione oggettiva ed esterna aiuta tantissimo a restare coi piedi per terra. 

Infine le competenze, la visione e la conoscenza di soluzioni innovative, dal grande gusto estetico, non solo concorrono a un risultato finale armonico, in linea con i desideri dei committenti, ma aiutano ad aumentare il valore immobiliare della casa, rendendola più facile da affittare o rivendere.

Come scegliere un progettista architettonico affidabile

Ma come riconoscere una persona che abbia le competenze richieste e anche l’empatia giusta, per dare forma a uno dei progetti più importanti nella vita?

Al di là dei titoli di studio e specializzazione richiesti, ti consigliamo di scegliere un progettista architettonico, non solo affidandoti al passaparola di amici e parenti o alla reputazione del professionista, ma valutando in primo luogo il suo portfolio progetti, per carpirne lo stile e la “filosofia architettonica” e assicurarti che siano in linea con ciò che stai immaginando.

Un altro aspetto fondamentale è fissare un incontro di persona, per capire se è un professionista sulla tua stessa lunghezza d’onda. Una persona con cui la comunicazione è trasparente ed efficace e in grado di affrontare temi delicati, come il budget, le aspettative e tutti i timori che possono sorgere in fase di realizzazione del progetto.

Chi progetta le case? Parliamo della figura del progettista architettonico e di perché ne hai davvero bisogno.

Scegli un progettista architettonico con cui senti di poter sostenere una comunicazione sempre trasparente ed efficace.

La trasparenza è importante da subito: chiedi al professionista di essere quanto più concreto possibile nei costi e sulle tempistiche, per evitare spiacevoli sorprese o incomprensioni. Certo, tieni presente che, se stai per intraprendere una ristrutturazione, soprattutto per immobili datati, è pressoché impossibile prevedere ogni voce di spesa, ma puoi richiedere di stabilire un margine massimo. 

Siamo quindi arrivati alla domanda fatidica: hai davvero bisogno di un progettista architettonico? Per la nostra decennale esperienza è una figura fondamentale, da cui dipendono la qualità e la buona riuscita del progetto, ma anche la tua serenità mentale.

Se stai pensando a una ristrutturazione o alla realizzazione della casa che sogni da sempre, ma non sai a quale progettista architettonico affidarti, contattaci. Saremo felici di condividere con te dei professionisti empatici e competenti, con cui collaboriamo su diversi progetti da anni.

Articoli suggeriti

05 Luglio 2024

Casa domotica con serramenti intelligenti: è possibile?

28 Giugno 2024

Perché scegliere serramenti in pvc Finstral